Un mondo ignobile

Un mondo ignobile è quello che uccide i bambini, che lascia le donne in balia della violenza maschile, che emargina gli anziani, che isola i disoccupati, che colpevolizza i diversi, che si fa bello delle sue leggi e dei ricchi che le hanno create (c’è stata una lotta di classe tra ricchi e poveri, ma l’hanno vinta i primi), che crede in un Dio perché è senza fede e in nome suo stupra e uccide (sono una scusa le guerre di religione).

Un mondo che distrugge se stesso, un paradiso che ci è stato donato, e che era solo da plasmare, ma non a nostra immagine e somiglianza, ma nel gusto della condivisione con gli altrui esseri viventi; e invece non contenti di avere reso irrespirabile e invivibile questa nostra Terra siamo alla ricerca, già da tempo, di un pianeta su cui emigrare.

Povero esule, che non si accontenta del luogo natio, non perché qualcuno lo scaccia a forza in nome di un diritto razzista di schiavitù che è marchiato a fuoco nel nostro cuore prima ancora che nei nostri geni, ma perché il luogo natio non c’è più.

Povero esule, sei l’essere vivente più imperfetto che sia mai comparso sulla Terra, forse dovresti vivere in anarchia, senza riproporre i tuoi geni nei destini di altri; non dispero che un giorno troverai questa consapevolezza per vivere ed estinguerti!

Marco Fantuzzi

4 pensieri riguardo “Un mondo ignobile”

    1. Certamente no, ma è questo che l’uomo prima o poi farà, questa pianeta diventa più invivibile ogni giorno che passa…e comunque non sfuggiremo a noi stessi…fuggiremo è basta…quando siamo oppressi da eventi incontrollabili.

      "Mi piace"

    1. Probabile, certo, però non è consolante vivere in un mondo senza riuscire a migliorarlo, ma forse l’uomo è arrivato sulla Terra solo per viverci, al pari degli altri animali.

      "Mi piace"

I commenti sono chiusi.