La vita, è.

Un bellissimo racconto, una profonda riflessione. Grazie Elena!

Crazy Alice in Wonderland

Zoe aveva conosciuto il suo nuovo  vicino di casa una fredda sera di novembre.

Convenevoli, strette di mano, sorrisi imbarazzati e frasi di circostanza. “Piacere, Matteo.”

Poi quattro chiacchiere al bar vicino, e aveva scoperto che stava sistemando la casa vicina alla sua per tornarci presto a vivere con la sua ragazza. Attraverso i muri sottili, tra un colpo di martello e un frullare di trapano sentiva arrivare della buona musica, di quella buona per davvero, quella che piaceva a lei. Non era per niente male il nuovo vicino.

In una fredda mattina di metà dicembre le aveva chiesto se potesse salire sul tetto con un tecnico, per sistemare l’antenna della sua televisione. L’unico accesso possibile era attraverso l’usciolo della sua soffitta.

“Certo, volentieri, venite…” aveva risposto Zoe, “io preparo il caffè.”

Così, dopo le manovre tra antenne e cavi, si erano seduti tutti e tre intorno al tavolo della…

View original post 517 altre parole

6 pensieri riguardo “La vita, è.”

I commenti sono chiusi.