Il bene e il male

Il bene, il male,

una necessità,

un’indecenza,

ma esiste “la banalità del male”,

come scrisse una grande donna.

Il bene, in molte persone,

è una visione distorta del male,

per loro il male

è un “bene necessario”

per estirpare alla radice

il pensiero di persone diverse.

La diversità,

così pesante da accettare,

per un’infinità di persone,

persone minate nella loro intelligenza

da un demone di cui non hanno sentore.

Viviamo in un mondo in cui la povertà,

intellettuale ed economica,

è in costante crescita.

Abbiamo svenduto la nostra vita

per pochi denari in cambio di un pezzo di pane

e adesso pretendiamo che male persone

facciano del bene.

Non sconfiggeremo mai il male,

anzi lo rafforzeremo,

se non lottiamo a rischio della vita.

Marco Fantuzzi