Ezio Bosso, la Musica che sorride — Laura Berardi

Per me la morte non esiste, è una parte della vita. Ezio Bosso Alla fine non ce l’ha fatta. La scorsa notte è venuto a mancare il grande Maestro Ezio Bosso, direttore d’orchestra, compositore e pianista malato di cancro e affetto dal 2011 da una patologia autoimmune degenerativa simile alla SLA. Eppure ho la sensazione […]

Ezio Bosso, la Musica che sorride — Laura Berardi

Sulla libertà.

Una approfondita analisi della libertà che condivido.

Universo inverso e astratto

francescaguevaemilioIn questi giorni si sta parlando molto di libertà, se ne è parlato perché, di fatto, siamo stati tutti rinchiusi in casa per l’emergenza sanitaria, ma anche perché negli scorsi giorni Silvia Romano a casa ci è tornata, dopo un anno e mezzo circa. L’ho vista scritta così tante volte in questi giorni la parola “libera”che i miei pensieri hanno iniziato a librare senza fermarsi. Ho ragionato sulla libertà, sulle radici della parola. E i miei pensieri si sono aggrovigliati subito alla questione di Silvia Romano. Silvia è tornata a casa, Silvia è libera. Ma Silvia, così come ogni essere umano, è una cittadina del mondo e come tale era ed è libera in ogni senso, questo il centro dei miei grovigli di pensieri. In qualità di cittadina del mondo Silvia è libera di scegliere chi essere, con quale nome farsi chiamare, libera di scegliere quali…

View original post 2.057 altre parole

eBook di filosofia: A. Camus, Esortazione dei medici della peste — bibliofilosofiamilano

Albert Camus, Esortazione dei medici della peste In omaggio nel sito della casa editrice Bompiani. “L’Esortazione ai medici della peste, proposto ora da Bompiani in accordo alla Succession Albert Camus e nella traduzione di Yasmina Melaouah, era stata pubblicata in Francia per la prima volta nel 1947, lo stesso anno d’uscita de La peste, ma […]

via eBook di filosofia: A. Camus, Esortazione dei medici della peste — bibliofilosofiamilano

ELICONIA

La poesia è bellissima, ma l’incipit è meraviglioso “Vive soltanto chi non torna indietro.” Complimenti!

POESIE SMARRITE

Vive soltanto chi non torna indietro

dalla tetra fuliggine d’ uno sguardo pensoso

luttuosa sfinge dalla parvenza umana

triste pendula d’ Eliconia chiamata

recisa di rabbia dalla tua umida gioia

volevi trionfare con altèra fierezza

celando una maschera di nobile bellezza

sotto i tuoi occhi scuri ed immortali

lontano dai vermi che uccidono la memoria.

Eppure sorridi mentre serri le labbra

di porpora ostinata come le chiassose Erinni

trattenendo la  vita lacrimosa e immorale.

Ti trova la morte, antica sorella

d’affanno ansimando l’anima scontenta,

ma tu, lacerata d’amore e sazia di vita

giammai  verserai la tua rugiada segreta

sui ricordi sbiaditi d’ un’ offerta negata.

Antonio

View original post

La poesia salverà il mondo…

Bellissima Poesia. Grazie per avermela fatta conoscere.

imperfectinthisway

Il cuore non è mai al sicuro e dunque,
fosse pure in silenzio, non vantarti
della vittoria o dell’indifferenza.
Rendi comunque onore a ciò che hai amato
anche quando ti sembra di non amarlo più.
Te ne stai lì tranquilla? Ti senti soddisfatta?
Potresti finalmente dopo anni
d’ingloriosa incertezza, di smanie e umiliazioni,
rovesciare le parti, essere tu
che umili e che comandi? No, non farlo,
fingi piuttosto, fingi l’amore che sentivi
vero, fingi perfettamente e vinci
la natura. L’amore stanco
forse è l’unico perfetto.

Un nome che non dovrebbe aver bisogno di presentazioni è quello di Patrizia Cavalli, una delle poetesse italiane contemporanee più importanti. I suoi versi sono un insieme di parole, immagini, stati d’ animo che ti prendono, scandagliando inevitabilmente l’ anima. Quella che avete appena letto è stata la 4 poesia più letta nel 2019. Se non la conoscevate son orgogliosa di esser stata io a…

View original post 210 altre parole

Tre modi in cui il coronavirus può cambiare in modo permanente le nostre vite

Un ottimo spunto di riflessione su ciò che potrebbe succedere nei rapporti sociali una volta terminata l’emergenza coronavirus, ma non vorrei mai che una volta terminata si ritornasse alla vita di prima convinti che la guerra è vinta, in realtà avremo vinto solo una battaglia!

ORME SVELATE

.

Per appiattire la curva dell’epidemia di COVID-19, misure radicali di distanziamento sociale sono attualmente in fase di attuazione in un numero crescente di paesi. Le persone sono invitate – o costrette – a isolarsi a casa. In molti paesi, le scuole sono chiuse. Lo stesso vale per teatri, bar e cinema. Si sconsiglia il viaggio sia per piacere che per lavoro. I confini si stanno chiudendo. La maggior parte delle persone presume che tutte queste misure per combattere il virus saranno temporanee e che ad un certo punto – tra due, sei o forse 12 mesi – la vita tornerà alla normalità e gli affari come al solito. In una certa misura, questo può essere vero. Ma molti cambiamenti potrebbero essere permanenti. I sistemi sociali, siano essi intere economie o singole organizzazioni, sono inerti e molto difficili da cambiare. Nel tempo, le aziende si sviluppano in strutture complesse e burocratiche…

View original post 857 altre parole