Minimi dettagli

Minimi dettagli ci cambiano la vita.

Sfumature di colore appena accennato che emergono da una fumosa nebbia.

L’incomparabile minuziosità con cui affronti ogni cosa denota in te l’amore per la vita.

Se sai cogliere tra strati di polvere la poesia della vita significa solo che hai la sensibilità per farlo.

Ma quanto sei bella vita anche quanto ti odio, quando vorrei che il demone che è in me se ne andasse, perché ho paura che prenda il sopravvento.

Il demone è in ognuno di noi, solo che non lo sappiamo.

Nei momenti di felicità cova sotto la cenere, guai a muovere le braci e rimetterlo in circolazione.

Lascialo nelle tenebre a macerarsi, a illividirsi, tieni la fronte alta e non lo vedrai mentre striscia ai tuoi piedi.

Marco Fantuzzi

Perché

Perché uccidiamo i nostri simili,

quale perversa mente, di un demone prigioniera,

ci corrode lo spirito?

Tu, spregevole essere,

con quale arroganza togli la vita altrui?

Quale diritto ti appartiene, la tua vita non vale niente,

nemmeno la tua morte è di valore.

Non sarai ricordato, ma cancellato per sempre,

per te non c’è memoria.

Marfan's poetry

Forse…

Forse il mio demone è la Poesia,

io che credevo di avere un altro Demone

che mi sbranava il cuore,

che annichiliva le mie giornate,

che spegneva il Sole dentro me.

Forse non è questo il demone

che mi assale giorno e notte,

che non scalda le mie giornate

e non raffredda le mie notti,

forse è solo poesia che non esce

dalla cortina di pensieri che mi circonda.

Forse non dipinge i contorni della mia vita,

perché contorni non ci sono

e non ci sono orizzonti,

né un cielo da riempire,

né onde da togliere al mare

per sostituirle con le mie parole.

Forse ci sono naufragi da evitare

e cammini da scegliere

né boschi da attraversare

né traguardi da raggiungere

né donne infinite da amare.

Io non appartengo a me,

ma solo a chi mi vuole!

 

Marco Fantuzzi

20-02-2015