Tu sei ancora qui

Tu sei ancora qui

a lottare, se vuoi

a sorridere, se puoi

a vivere, se mai.

 

Il silenzio è una casa vuota,

un ronzio mi attraversa,

a stento un miagolio.

 

Nel gelo della notte scrivere costa fatica

mani scricchiolanti, lente e pesanti,

annodano pensieri.

 

La casa è fredda di tremori

mi serve caldo e riposo,

ma un letto vuoto attende invano.

 

Marco Fantuzzi

22-09-2016

Vaticinio di primavera

Sono gocce di felicità

che scendono da vecchi tralci,

è la primavera impaziente

che scioglie vecchia neve,

che stacca vivi cumuli

di luccicante beltà

(che una maestà di ghiaccio

aveva bloccato nelle forme più strane).

Ma il gelo non si scaccia facilmente,

ancora camini fumanti

a sporcare l’azzurro del cielo,

l’odore acre pervade il cielo

e si posa sui nostri pensieri.

E son giorni di attesa

per un vaticinio di primavera.

 

Marco Fantuzzi

Sospiro

Oh, donna infinita,

la vita è una trappola

senza di te,

le giornate interminabili

senza la tua voce

che riscalda il mio gelo.

Le notti cerco il tuo respiro,

sono un cielo senza stelle,

nemmeno la luna sorride.

Desiderarti e non averti

è insopportabile

(ti odierò se non sarai la mia compagna).