Un altro amore

E per me nulla rimase,

solo occhi pesanti e velati,

 

la brillantezza di una risata

la certezza del mio tempo.

 

Dove sei Amore?

 

Ti persi nel correre degli anni

mentre la vita frenava,

 

non importa se pagherò il prezzo

più alto di umana consolazione,

 

voglio andarmene con un Amore accanto

a blandire i miei ultimi respiri.

 

Marco Fantuzzi

Mi nutro di questo spettacolo

Mi nutro di questo spettacolo

che è l’amore in fiore,

e odoro le tue emozioni

come un respiro di vento.

La tua pelle è un velluto

posato sui miei occhi,

e le mie dita ti sfiorano soltanto,

ma questo basta al mio cuore.

Risplende il tuo viso, in un bacio di sole,

e mentre ti scendo tra le braccia,

lunghe come la vita che ci aspetta,

tremolano le mie dita.

E mi soffermo lì, senza pensare,

lì, dove nasce la vita.

Marco Fantuzzi

E di virtù spoglio le tue mani

E di virtù spoglio le tue mani

Accarezzando con voglia il tuo domani,

Perdo il languore dentro il tuo sospiro

Perdo la vita dentro il tuo respiro.

Catene imprigionano il tuo cuore,

Fra scintille d’amore e di dolore,

E la mente se ne va mentre il tuo sesso gode

Lubrifica il pensiero e i miei sussulti ode.

 

Marco Fantuzzi

Vorrei cucire la mia pelle su di te

Vorrei cucire la mia pelle su di te, come un aderente vestito, per calzare i miei momenti di malinconia, di triste abbandono. Una pelle liscia e lucente che ti toglie il respiro, in cui soffocare i miei sospiri. Sereno è il tuo sguardo che palpebre non abbassa, che sorride malinconico tuffandosi nel mare degli occhi miei. Ora siamo una pelle unica, nelle tue carezze respiro un altro profumo, e faccio l’amore con i tuoi occhi, la parte migliore di te.

 

Marco Fantuzzi

Sento il respiro del vento

Sento il respiro del vento,

nel silenzio degli alberi quiescenti

nel desiderio latente d’immortalità.

Il tempo ceduto riaffiora

Nei lembi di un presente,

arido di speranze.

Brandelli di futuro colgo

Nel mio disperato vagare,

tra luci e ombre chiare

scorgo ancora il tuo muto sorriso.

Rimpiango quel giorno

Vanifico quel barlume di felicità,

che non colsi nel tuo sguardo.

 

Marco Fantuzzi

Di me … frammenti

Portami via con te

in limpide mattine,

nel fiorire dell’amor

su dolci brine …

e nell’attesa soffoco

in un letto vuoto,

il mio respiro inciampa

come un fuggiasco ignoto.

Il cuore e la mente,

perché questo noi siamo,

apparentemente

e nel dubbio viviamo.

Per malcelate intenzioni,

invoco te mia dea

e metto a nudo

il cuor e l’anima mia.

Attraversala

negli spersi riguardi

nei fuochi fatui

nel vento e negli sguardi.

Tu sei l’amore mio

e senza te

son ceneri sopite

sulle parole mie.

Marco Fantuzzi

Sospiro

Oh, donna infinita,

la vita è una trappola

senza di te,

le giornate interminabili

senza la tua voce

che riscalda il mio gelo.

Le notti cerco il tuo respiro,

sono un cielo senza stelle,

nemmeno la luna sorride.

Desiderarti e non averti

è insopportabile

(ti odierò se non sarai la mia compagna).